L’Editoriale di Sugoni (SkySport24) – Van Persie e Lavezzi: il calciomercato sono loro. E non solo per Juve e Inter…

Robin van Persie (Getty Images)

CALCIOMERCATO JUVENTUS VAN PERSIE INTER LAVEZZI / MILANO -Notti tormentate, di pensieri, forse di saluti, quelle di Ezequiel Lavezzi e Robin van Persie. Bravi da far impazzire. Il mercato (per ora) degli attaccanti è roba loro. Tutti li sognano, molti li vogliono, tanti li cercano. L’Inter per esempio. Di Lavezzi, Moratti ha parlato direttamente con De Laurentiis. Incontro esplorativo e interlocutorio. Bisognerà rivedersi eventualmente per decidere la contropartite giuste. Il problema è che intanto il sempre più ambizioso Paris Saint Germain di Carlo Ancelotti e degli arabi, fa molto sul serio. Parigi al Pocho piace, almeno quanto Milano. Alla sua fidanzata pure. E quello delle compagne dei calciatori – la storia ce lo ha dimostrato – è un ok da non sottovalutare mai (come è giusto che sia). Soprattutto il Psg ha tanti soldi da mettere sul tavolo. In teoria, potrebbe anche andare da De Laurentiis e dire: ecco i 30 milioni e 800 mila euro della clausola rescissoria. E addio Pocho. L’Inter questo non può farlo, e deve trattare. Per questo al momento il testa a testa per i nerazzurri non è facile da vincere. A Lavezzi pensano anche in Inghilterra, ma questo sembra un pericolo relativo, visto che nessuno è disposto ad arrivare a quelle cifre. Intanto il Pocho pensa, e valuta. “Non ha mai detto di voler lasciare Napoli” ha precisato il suo agente Alejandro Mazzoni. Intanto si parla di una cena (smentita dallo Mazzoni), a casa Lavezzi, con tutti i compagni. Per qualcuno sarebbe già stato un saluto. Ma ancora non siamo a quel punto. C’è un terzo posto che per l’aritmetica è ancora possibile, una finale di Coppa Italia per tornare a vincere. Poi si vedrà, perché dopo cinque anni così intensi ci può anche stare di decidere che è arrivato il momento di tentare altre strade. Comunque andrà, Lavezzi è entrato nella storia del Napoli: giocatore unico, non perché il più forte, perché proprio con caratteristiche uniche. Velocità e talento impossibili da ingabbiare.

Talento e velocità, le stesse armi di Robin van Persie. La Juve ha incontrato i suoi agenti, più di una volta. Prima di andare a parlare con l’Arsenal, ci vuole l’ok del giocatore, che resta in cima ai pensieri (e ai desideri) di Antonio Conte. Perfetto per il suo gioco, punta centrale, che sa fare anche molto movimento. Capace di regalare assist e di segnare tanto. Destro, sinistro, non importa come. In più ad un solo anno dalla scadenza del suo contratto. Un giocatore così però ha – ovviamente – delle controindicazioni. Soprattutto due: un ingaggio alto (oltre 6 milioni netti l’anno), forse troppo per i parametri economici a cui la Juventus (giustamente) vuole essere sempre molto attenta. E una lista infinita di squadre che lo vogliono. Il Manchester City (immancabile), che l’anno scorso fece un’operazione simile con Nasri, acquistato proprio dall’Arsenal a suon di milioni di euro nonostante non avesse intenzione di rinnovare il contratto, e – novità delle ultime ore – anche lo United. Senza contare il Barcellona, che da lontano tiene d’occhio la situazione. Alla fine – in casi simili – conterà molto la volontà del giocatore. Su quella punta pure l’Arsenal, che lo incontrerà dopo la dine della Premier League. A Londra l’ottimismo è in crescita: Wenger e il chairman del club Hill-Wood sono convinti di avere le armi giuste per convincere l’olandese a rimanere ancora a lungo. Vedremo. Intanto Lavezzi e van Persie ascoltano, osservano, valutano e pensano al loro futuro. Il mercato ufficialmente non è ancora cominciato, ma ha già eletto i suoi re.

Be the first to like.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *