RadioCalciomercato.it, esclusivo Morabito su Tevez, van Persie, Mourinho e Napoli-Chelsea

RADIOCALCIOMERCATO.IT ESCLUSIVO MORABITO / ROMA – Intervenuto in esclusiva a RadioCalciomercato.it, la web radio ufficiale di Calciomercato.it, il noto agente Fifa Vincenzo Morabito ha avuto modo di commentare alcune situazioni di mercato relative al calcio inglese di cui è grande conoscitore, ma non senza iniziare con una presentazione del match di stasera tra Napoli e Chelsea: “Parlando di Napoli-Chelsea mi viene in mente Gianfranco Zola, uno dei trasferimenti più riusciti della mia carriera. Per quanto riguarda la partita, gli inglesi hanno fatto un salto di qualità con Abramovich ma non sempre i soldi garantiscono vittorie. Il Napoli secondo me dal punto di vista psicologico è messo meglio, perchè ha deciso di puntare forte sulla Champions e perchè Villas Boas sta pagando molto la sua inesperienza ed il fatto di essersi presentato come l’erede di Mourinho, che è un personaggio molto diverso da lui, più di personalità. Pronostico? Dico 2-1 per gli azzurri, una vittoria che però non da la sicurezza per il ritorno”.

Per quanto riguarda gli scenari di mercato, il più importante a giugno sarà nuovamente quello relativo a Tevez: “Bisognerà capire alla fine della stagione quanto il Milan vorrà puntare su di lui a certe condizioni economiche. Si può anche ipotizzare che rimanga in Inghilterra o che clamorosamente torni in Sud America, mi sembra che il suo limite sia quello di non avere la giusta concentrazione, invece di allenarsi pensa a giocare a golf. Van Persie? La trattativa per il rinnovo con l’Arsenal c’è, bisognerà innanzi tutto capire quale sarà il futuro di Wenger. Certo, chi sta in Inghilterra e guadagna certe cifre non è molto stimolato a lasciare quel campionato. Il calcio italiano adesso è meno competitivo e lo ha dimostrato la vicenda Fabregas”.

Quello che vuole Terry con la maglia del Milan in futuro è destinato a rimanere catalogato come ‘rumor’: “Secondo me non c’è nulla. Lui come Lampard e Rooney sono giocatori che fuori dalla Premier si sentirebbero come pesci fuor d’acqua”. Diverso invece il discorso per Josè Mourinho: “Ci può stare un suo ritorno in Inghilterra, ma se dovessi entrare nella sua testa direi che è molto più tentato dal Manchester United che da un nuovo impiego al Chelsea dove dovrebbe confrontarsi con il suo stesso fantasma”.

Be the first to like.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *