Roma-Atalanta, Luis Enrique alla vigilia

ROMA ATALANTA CONFERENZA STAMPA LUIS ENRIQUE / ROMA – Vigilia di campionato per la Roma di Luis Enrique, attesa dall’importante test casalingo con l’Atalanta, virtuale capolista della Serie A. Una squadra che senza la penalizzazione sarebbe solitaria in testa a quota 10 punti, cinque in più dei giallorossi. Invece, nella classifica reale, l’Atalanta è sotto la Roma e cercherà anche domani di fare punti per non vanificare il brillante avvio di stagione: “Speriamo bene, di fare una bella partita, giochiamo contro la migliore squadra in questo momento -spiega il tecnico spagnolo in conferenza stampa-. Una squadra difficile, sono preoccupato dalla loro condizione fisica. Noi arriviamo bene, dopo la prima vittoria in trasferta e una settimana di allenamento intensa, cerchiamo di trovare una simbiosi con i tifosi, sappiamo che con il tifo dell’Olimpico saremo molto forti. Però ancora non è successo niente. Cerchiamo di farlo succedere domani. A che punto è la Roma? Non lo so. Credo ci sia un’ampia strada per crescere e che ancora manchi tantissimo. Però vedo grandi miglioramenti e la chiara voglia dei calciatori di fare un lavoro diverso. Sono ottimista perché vedo miglioramenti, ma ancora non conosco la percentuale”.
Luis Enrique si è poi soffermato a parlare dei singoli, talvolta in maniera ironica come nel caso di Pizarro.. Ecco quanto ripreso da ‘romanews.eu’.

BOJAN – “Sono contentissimo di averlo nella rosa e lo stesso è per tutti gli altri. Però devono capire che io ho la necessità di vedere ogni giorno la fame, la voglia di vincere e migliorare. Ora siamo in una situazione particolarmente positiva, perché tutti i miei giocatori d’attacco sono in questa condizione e io devo fare la mia scelta. Non c’è nessun problema con Bojan”.

STEKELENBURG – “Si è allenato tutta la settimana, è nella lista dei convocati e può giocare. E’ a disposizione e domani farò la mia scelta“.

PIZARRO – “Mi dà amore, simpatia, mi dà di tutto! E’ un bravo calciatore, che tutti conosciamo. E’ un calciatore tecnicamente molto dotato, non ha paura perché ha esperienza, può giocare sia il passaggio corto che il passaggio lungo. Ha dribbling, punta l’avversario…”.

PJANIC – “Le difficoltà non credo siano di natura tattica. Pensiamo che ha 21 anni, è arrivato 3 settimane fa e non parla italiano, ma un po’ di inglese e francese. Non c’è ancora la condizione perché possa ritrovarsi al meglio. Sono molto contento che sia qui e migliora sempre di più. Ha tantissima qualità, ma dobbiamo lavorare: i calciatori non sono robot, ma persone che innanzitutto devono vivere con la testa una situazione normale, trovare casa eccetera. Sono soddisfatto del suo rendimento e mi aspetto ancora di più da tutti. Credo giochi in una buona posizione”.

JUAN – “E’ migliorato e sono contento per lui, però credo che ancora gli manchi qualcosa a livello fisico. Sta lavorando al massimo per arrivare al top, ma credo ci voglia ancora un po’”.

GAGO – “Ha un colpo al polpaccio ed è impossibile che giochi domani, non si è allenato tutta la settimana. Si è infortunato due partite fa. Nico, Kjaer, Heinze e Marco Cassetti: tutti possono giocare titolari domani, vediamo…”

LAMELA – “Non c’è stata fretta con Lamela, è una cosa particolare che a volte succede quando un giocatore ha voglia di tornare col gruppo. Non c’è fretta, sono situazioni normali nel calcio. Lui lavora fuori dal gruppo e speriamo di recuperarlo al più presto”.

DE ROSSI – “Ha subito piccoli infortuni e ha riposato un giorno. Oggi si è allenato sodo ed è a disposizione della squadra. Se Daniele non si fosse allenato avrei cercato una soluzione”.

A.B.

 

Be the first to like.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *