Serie A, esclusivo Pistocchi: “Moviola in campo obbligatoria, Milan da rifondare”

SERIE A ESCLUSIVO PISTOCCHI / ROMA – Un solo punto separa il Milan dallo Scudetto, ma la prima è l’unica delle posizioni di classifica già fortemente ipotecate da una formazione. Molto avvincente, invece, la lotta Champions, che tra ieri sera e stasera scriverà un altro importantissimo capitolo. Vincendo a Bari, la Roma si è portata ad un punto dalla Lazio impegnata contro la Juve, ma la gita giallorossa in Puglia è stata più complicata del previsto e si è portata dietro numerose polemiche. Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva Maurizio Pistocchi, giornalista di ‘Mediaset Premium’ per anni specializzato nell’analisi delle moviole, per un parere sulla stagione che sta per terminare e, più approfonditamente, per un giudizio sulla classe arbitrale sotto accusa nell’ultimo turno: “Russo ha arbitrato malissimo – ha esordito Pistocchi – L’episodio più grave è stato la mancata espulsione di Totti per le offese ricevute, comportamento uguale a quello tenuto da De Marco a ‘San Siro’ nei confronti di Mutarelli. Questi espisodi, soprattutto se con un idolo come Totti protagonista, danneggiano molto i bambini che guardano la partita, danneggiano la classe arbitrale ed infine falsano il campionato, perchè ad esempio Ibrahimovic per la stessa ingenuità si è preso 3 giornate. Io darei multe pesantissime a chi tiene comportamenti simili”.

MOVIOLA SI – La Roma è stata avvantaggiata dall’arbitraggio di Russo: “Ci sono stati due episodi decisivi: il secondo rigore a mio avviso non c’era, e quel calcio d’angolo non segnalato che non avrebbe portato al gol giallorosso. In generale posso dire che Russo a Bari, De Marco a Milano e Rocchi a Genova (rigore non dato a Pozzi e dieci secondi dopo gol di Caracciolo, ndr) hanno falsato gravemente le rispettive gare. In Champions abbiamo visto che neanche con 5 arbitri si riesce ad evitare errori, si pensi al rigore non dato al Chelsea contro lo United per fallo su Ramirez, e allora ecco che diventa obbligatoria, a mio avviso, la moviola in campo”.

MILAN DA RIFONDARE – “E’ stato un campionato scarso, mediocre”. Questo il giudizio di Pistocchi, non pienamente convinto dal Milan di Allegri: “L’Inter ha perso 3 mesi e mezzo sbagliando campagna acquisti, mentre il Milan ha disputato un calcio difensivo, più italianista rispetto al passato, vincendo 8 volte per 1-0, aggrappandosi a Ibra per larga parte del campionato. Secondo me ha già esaurito il suo ciclo, va rifondato con innesti giovani”.

JUVE, CREDICI – Secondo il giornalista la Juventus non ha ancora detto addio al sogno Champions: “Le romane sono arbitre del campionato e di loro stesse. La partita di stasera ha forse nella Juve la squadra più bisognosa di vincere per non abbandonare definitivamente le speranze di quarto posto”.

BRASCHI E NICCHI SI SONO PERSI – Infine, un giudizio complessivo sugli arbitri durante l’arco della stagione: “All’inizio Braschi e Nicchi hanno lanciato nuovi interessantissimi nomi, come quello di Valeri, poi si sono persi affidandosi agli internazionali sbagliando clamorosamente e facendo fallire il progetto di ringiovanimento della classe arbitrale”.

Be the first to like.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *