notiziario.calciomercato.it

Calcio Match Live F1 Tennis Basket Diretta Goal
tag
Juventus Inter Milan Roma Napoli Lazio Fiorentina Palermo Genoa Sampdoria Bologna Udinese Bari Parma Cacliari Catania Chievo Torino Lecce Lecce brescia

01:03 | 08/12

Il “re dello spam” è stato arrestato

spam Il “re dello spam” è stato arrestatoROMA – In carcere a Milwaukee in attesa di giudizio il ventitreenne russo Oleg Nikolaenko.

Il ragazzo, che si dichiara innocente, è soprannominato “il re dello spam”; sembra che tutte le e-mail contenenti messaggi di vendita di falsi Rolex, viagra e altri rimedi contro la disfunzione erettile, avessero un unico mittente. Quindi dietro alla “bot net Mega-D, responsabile di quasi un terzo dello spam mondiale, ci sarebbe stata un’unica rete di 500.000 computer, in grado di inviare fino a dieci miliardi di e-mail spazzatura al giorno.

LA FIREEYE – Il network con a capo il giovane russo era stato già messo in difficoltà in passato; infatti la società specializzata in sicurezza informatica, la FireEye, era riuscita a prendere il controllo sui server e sui centri di controllo presenti sul territorio americano.  Ciò aveva comportato la chiusura e la riduzione del volume della rete inizialmente al 17% e infine, con l’arresto di Nikolaenko , al 5% dello spam globale.

LA CATTURA DI NIKOLAENKO – Gli agenti federali  sarebbero riusciti nell’impresa in seguito alla cattura di Jody Smith e Lance Atkinson, due rivenditori di materiale contraffatto in accordo con il russo, poichè  pubblicizzavano i loro prodotti appoggiandosi alla rete Mega-D in cambio dei versamenti in commissioni. Con questo sistema Atkinson, in sei mesi, era arrivato a versare, usufruendo del servizio on-line ePassporte, circa  450.000 dollari a Nikolaenko.

E’ proprio attraverso questo servizio on-line che l’Fbi è riuscita a risalire all’indirizzo di posta elettronica Gmail e da questo, con un ordine del giudice, all’archivio di tutte le e-mail inviate e ricevute dal 23enne.

IL MOMENTO DELL’ARRESTO – Ad aver tradito “il re dello spam” la sua passione per le auto; infatti l’agenzia governativa era a conoscenza dei numerosi viaggi in America del ricercato in occasione del Sema (Speciality Equipment Market Association), uno show per appassionati di accessori per automobili. Ed è proprio a Las Vegas, durante la manifestazione, che l’uomo è stato arrestato.

LE VIOLAZIONI E LA PENA – Nikolaenko è accusato di non aver rispettato l’attuale normativa regolatrice sull’invio di materiale indesiderato, il Can Spam Act, rischiando una condanna a cinque anni di carcere.

Luca Bagaglini

Be the first to like.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

LASCIA IL TUO COMMENTO
ALTRE NOTIZIE